1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Papa Francesco a Bologna


alfacod-casi-successo-papa-francesco-bologna
Contenuto della pagina
 
 

Papa Francesco a Bologna


 
alfacod-casi-successo-papa-francesco-bologna

Il 1 ottobre 2017 la città di Bologna ha ricevuto la visita di Papa Francesco che ha recitato l'Angelus della domenica nella splendida cornice di Piazza Maggiore, sul sagrato della Basilica di San Petronio. L'evento si è rivelato un grande successo di pubblico con oltre 2000 fedeli ad accogliere il Santo Padre e l'intera giornata bolognese del Pontefice si è svolta in assoluta sicurezza nonostante il bagno di folla. 

 
 

La necessità di garantire la sicurezza

 
alfacod-casi-successo-papa-francesco-bologna

Un evento di tale portata come intuibile oltre a rappresentare un onore per un'intera città, porta con sé anche l'onere di garantire la massima sicurezza sia al Sommo Pontefice che alle figure istituzionali presenti e, non di meno, alla folla presente in Piazza Maggiore per far sentire il proprio affetto a Papa Francesco. Per questo era necessario avere un sistema che regolasse gli accessi alle zone riservate (con ingresso tramite pass) e tenesse traccia di chi fosse effettivamente presente a pochi passi dal Santo Padre al fine di salvaguardarne l'incolumità.

 
 
 

La soluzione di Alfacod

 

La soluzione proposta da Alfacod ha previsto l'uso di terminali connessi alla rete WiFi per tracciare gli ingressi. Essendo Alfacod il creatore della rete WiFi cittadina ha chiesto al Comune di Bologna di poterla sfruttare, arricchendola soltanto di alcuni apparati per coprire le zone non coperte in precedenza. Fatto ciò, in corrispondenza di ogni varco di accesso alla Piazza sono stati usati dei terminali connessi alla rete wi-fi, impiegati per la lettura dei codici a barre presenti sui pass nominali di ogni visitatore. Grazie alla connessione, le informazioni "catturate" da ogni terminale venivano trasmesse in tempo reale alla Questura di Bologna che, in tal modo, aveva modo di verificare e di conoscere l'identità di ogni persona presente all'interno delle aree riservate di Piazza Maggiore. Nello specifico i varchi d'accesso erano quattro. 

 
alfacod-casi-successo-papa-francesco-bologna
 

In alcune aree della città non coperte da una rete WiFi sufficientemente performante per causa di forza maggiore (perlopiù problemi infrastrutturali), come la storica Piazza San Domenico in cui Papa Francesco si è intrattenuto con il mondo accademico bolognese, è stato necessario operare in maniera leggermente diversa. Alfacod ha ovviato studiando una soluzione ancor più specifica. In tali luoghi infatti sui terminali è stato installato un software appositamente sviluppato che verificava la validità del pass confrontando le informazioni presenti nel codice a barre con quelle dei documenti d'identità degli ospiti. I risultati possibili di tale match di validità erano: pass valido, pass duplicato o livello gerarchico di pass differente rispetto all'area cui si tenta di accedere. 

 
 

Le tecnologie utilizzate

 

Per la realizzazione di questo complesso progetto Alfacod si è affidata alla tecnologia Meru di Fortinet per quanto concerne l'arricchimento dell'infrastruttura wi-fi, in particolare installando 5 access point, di cui tre in corrispondenza degli accessi a Piazza Maggiore e due nei pressi dell'entrata della Cattedrale di San Pietro, in cui il Santo Padre si è recato dopo la celebrazione della Santa Messa. I terminali impiegati invece sono stati in tutto 20, della serie Memor di Datalogic.

 
alfacod-casi-successo-papa-francesco-bologna
 
 

Un lavoro di squadra

 

Ovviamente il grande successo della soluzione proposta da Alfacod e dello svolgimento dell'intero evento è frutto di un lavoro di squadra e di una grande opera di coordinamento che ha permesso di superare tutti gli ostacoli, piccoli e grandi, che si incontrano fisiologicamente nella realizzazione di un progetto così importante e complesso. Nello specifico per arrivare al risultato ottenuto è stata necessaria una proficua cooperazione con il Comune di Bologna, la Curia di Bologna, Lepida, l'associazione Bologna Welcome e, naturalmente, con tutte le istituzioni del capoluogo emiliano.

 
 

Contatta Alfacod:
marketing@alfacod.it

 

Necessiti di una soluzione simile?
Chiedi un preventivo