1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Blog


Contenuto della pagina
 
 

Etichette abbigliamento: ecco la nuova normativa


etichette-abbigliamento-nuova-normativa

Le etichette del settore abbigliamento e calzature dovranno essere più trasparenti e la mancata rispondenza delle informazioni veicolate alle normative vigenti porterà a sanzioni più severe nei confronti di produttori e distributori. 

 
 

Il contenuto del Decreto Legislativo 190/2017

Questo, in sintesi, il contenuto del Decreto Legislativo 190 del 15 novembre 2017 entrato in vigore effettivo lo scorso 4 gennaio. Il nuovo quadro sanzionatorio in particolare riguarda l'errata etichettatura delle calzature e delle fibre tessili e prevede un pesante inasprimento delle sanzioni nei confronti di produttori, importatori e distributori che non rispetteranno il regolamento comunitario EU 1007/2011 che regola proprio questa materia. In caso di mancanza delle corrette informazioni sulla composizione tessile all'interno di cataloghi, siti internet e quant'altro, le sanzioni pecuniarie andranno dai 1.500 ai 20.000 euro.

 
 

.

 
 
 

Sanzioni più severe per produttori e distributori

Si tratta di una svolta significativa nella ripartizione della responsabilità di informare correttamente il consumatore finale tra i vari attori del settore tessile e calzaturiero. Fino ad oggi, infatti, la legge prevedeva che fossero i commercianti a rispondere della correttezza delle etichette e delle informazioni in esse contenute, con la possibilità di esercitare un diritto di rivalsa nei confronti dei fornitori. Una strada quest'ultima che, nei fatti, raramente veniva perseguita a causa di apposite clausole contrattuali tra commercianti e fornitori che tutelavano questi ultimi. Con la nuova disposizione, invece, si attribuisce la responsabilità di informare il consumatore a chi, effettivamente, etichetta i prodotti, li importa o li distribuisce.

 
 
 

.