1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Blog


Contenuto della pagina
 
 

Come cambierà il nostro modo di fare la spesa


sicurezza-informatica-smart-working(964x300)

In questo periodo d'emergenza stiamo scoprendo quanto sia importante mantenere la distanza sociale all'interno di luoghi affollati come i supermercati. Tuttavia, si tratta di attività essenziali e, oggi, si sta studiando come renderli sicuri grazie alla tecnologia, anche una volta che l'emergenza sarà finita.

 

Geolocalizzazione in tempo reale e "numero chiuso"

Il primo punto da cui partire è che fino allo scoppio della crisi che stiamo vivendo, il supermercato era un luogo molto affollato, decisamente troppo se si intende mantenere le distanze di sicurezza tra una persona e l'altra. Oggi, tutti noi, abbiamo sperimentato le lunghe code per accedere al supermercato, dove già adesso vige un principio di numero massimo di persone che possono contemporaneamente essere all'interno della struttura. Questo processo, oggi ancora artigianale, verrà sicuramente reso digitale attraverso l'introduzione dei sistemi di localizzazione in tempo reale all'interno del supermercato. In pratica, attraverso l'installazione di antenne e la dotazione di un tag ultra-wide band ad ogni persona che entra (o attraverso l'applicazione sul carrello) si potrà andare a vedere in tempo reale non solo quante persone ci sono, ma anche il modo in cui sono distribuite e si spostano tra le corsie, al fine di evitare "colli di bottiglia" che impedirebbero di tenere le distanze di sicurezza.

 
.
 

Casse super veloci e niente fila in cassa

Storicamente, l'area del supermercato in cui il rischio di assembramenti è più elevato è quella delle casse. Questo problema potrebbe essere risolto attraverso l'introduzione di portali RFID all'uscita del supermercato. Come già avviene in alcune grandi catene, come Decathlon, ciascun prodotto andrebbe etichettato con un'etichetta in radio-frequenza (tag RFID). Una volta terminata la spesa, basterà passare con il carrello o le buste contenenti i prodotti opportunamente taggati attraverso un varco RFID che, in un unico passaggio, identificherà tutti i prodotti (e i relativi prezzi) e la direzione del movimento (se in entrata o in uscita dal supermercato). A questo punto, sarà possibile effettuare il pagamento in modo molto più rapido perché non andranno poggiati tutti i prodotti sul nastro della cassa. Una versione ancora più veloce è quella che prevede il pagamento automatico, gestito da un software, che collega una carta di credito alla carta fedeltà dell'utente o semplicemente a un account presente su una app del suo smartphone. Un po' sulla scia di quello che accade nei supermercati Amazon Go.

 

.

 
 

Robotica collaborativa per disinfettare gli ambienti

Anche l'aspetto igienico sarà sempre più importante all'interno dei supermercati e la disinfezione degli ambienti dovrà essere effettuata con molta più frequenza rispetto a quello cui siamo abituati. Naturalmente è impensabile chiedere agli addetti di dedicare gran parte del proprio tempo a questa attività sacrificando le altre, ugualmente importanti, come l'approvvigionamento degli scaffali, la gestione delle scorte e quant'altro. Per questo, un'ottima soluzione potrebbe essere rappresentata dall'introduzione di robot collaborativi mobile che, in autonomia, possono spostarsi tra le corsie per disinfettare gli ambienti. Una volta che ottenuta la mappatura dell'area e la localizzazione in tempo reale delle persone all'interno della struttura, sarà infatti facile andare a stabilire il percorso che il robot deve seguire per effettuare la sanificazione degli ambienti senza interferire con il classico percorso dei clienti. Basterà attrezzare il robot opportunamente, magari, installando uno strumento che permetta di spruzzare disinfettante, acqua o qualsiasi altro prodotto si ritenga idoneo, e programmarlo perché durante il suo tragitto, in totale autonomia, proceda alla disinfezione di ogni angolo del supermercato.

 
.