1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Blog


Contenuto della pagina
 
 

Smart City 2016: Bologna la città più intelligente e innovativa d'Italia


 

La città più intelligente. La più innovativa, quella in linea con i tempi; anzi li sorpassa e li anticipa. In testa alla classifica italiana “Smart City Index 2016” c’è la Dotta Bologna che punta ad accogliere la modernità a 360 gradi. Seguono Milano e Torino, mentre Roma compare solo in nona posizione in questo censimento delle 110 città Capoluogo di Provincia che dovrebbero guardare al futuro. Alfacod ha accolto questa notizia con enorme soddisfazione perché ha visto i frutti dell'impegnativo lavoro svolto a fianco dell'Amministrazione comunale, negli ultimi anni, che ha previsto la copertura WiFi delle aree cittadine.

L'obiettivo del Comune di Bologna era quello di incrementare i servizi digitali per i cittadini, ottimizzando i costi ma offrendo nuove opportunità di crescita alla città stessa. Passo dopo passo Bologna ha realizzato i propri obiettivi e sta continuando ad incrementare servizi ed innovazioni. Le città dovevano soddisfare ben 470 indicatori. Veramente tanti i parametri in base ai quali una città può essere definita "smart" a tutti gli effetti.

 

La scelta di Bologna è stata una vera sorpresa. Pensavamo che, alla domanda: "Per te in Italia qual è la città più moderna, con maggiori servizi al cittadino?" la maggior parte degli intervistati rispondesse: Milano (città della Moda e del Business), Firenze o Roma (con i loro musei e il grande turismo), Torino o forse Trento.

 

 

Tra le 116 città capoluogo Bologna supera tutti grazie ad innovativi servizi che fanno la differenza: servizi online offerti dal comune, l’accessibilità ad una rete WiFi veramente performante, la pianificazione multimediale dei mezzi pubblici, i corrieri in bicicletta, le card e le app per visitare la città, l’e-commerce di prodotti locali, l’accesso al fascicolo sanitario elettronico, i portali universitari e tanto altro ancora.

Alfacod in tutto questo cosa c'entra?

In tutto questo Alfacod c'entra e non poco! Ha avuto un ruolo che va oltre la semplice installazione della copertura WiFi delle aree cittadine. A Bologna era già in funzione un'infrastruttura WiFi ma realmente non era in grado di soddisfare la crescita esponenziale delle Applicazioni che necessitano di connettività (Skype, App molto usata, principalmente dagli stranieri per videochiamate e che purtroppo assorbe molta banda; App per offerta di servizi del Comune al cittadino come prenotazioni, verifica mobilità autobus, informazioni enogastronomiche, ecc.). I responsabili del Comune, alla ricerca di una nuova soluzione e di un partner in grado di affiancarli nel progetto sono venuti a conoscenza delle molteplici esperienze ultraventennali di Alfacod in questo campo.

Ducati, BolognaFiere, Coop Adriatica (oggi Coop Alleanza 3.0), Paul & Shark, L'Erbolario, SMEG, Mirabilandia, MercatoneUno, Aeroporto Militare di Bologna, Auricchio, ecc. Sono alcune delle più importanti referenze di Alfacod che hanno attirato l'interesse del Comune di Bologna.

Alfacod è stata coinvolta nel progetto ed è stata selezionata come partner tecnologico. E poi si è passati ai fatti, fino ai risultati di oggi, che hanno visto l'incoronazione di Bologna come la città più Smart d'Italia. Vai al Caso del Comune di Bologna >

 
 

Il progetto Comune di Bologna ha previsto la copertura con wifi ad alta velocità di connessione del Palazzo D’Accursio, sede del municipio di Bologna che si affaccia su Piazza Maggiore, di tutti gli uffici amministrativi, dell'attuale Biblioteca Sala Borsa e creazione di una rete wifi Hotspot parallela come servizio gratuito per i cittadini ed i turisti di Bologna.

Da alcuni anni Bologna sta conoscendo una seconda giovinezza, gran merito va all'ottimo lavoro svolto dall'Amministrazione comunale. Come si legge nella pagina della Rete Civica Iperbole "negli ultimi anni si sono intensificate le iniziative volte ad accompagnare e rafforzare i settori produttivi in crisi, accanto all’orientamento lavorativo, al sostegno alla nuova imprenditorialità ed alla promozione di segmenti nuovi quali il turismo, la cultura del cibo, la creatività e l’economia digitale. Tra il 2011 e 2013 l’amministrazione ha coordinato investimenti pubblici e privati pari a 1,2 miliardi di euro dedicati a progetti con impatto notevole in termini di occupazione e di rafforzamento dell’attrattività del territorio. Priorità del mandato in corso, infatti, sono l’internazionalizzazione e l’occupazione giovanile".

La città si è come risvegliata ed ha iniziato a mettere in pratica una serie di cambiamenti socio-organizzativi che hanno contribuito a ricreare un tessuto socio-economico ben saldo e ad incrementare il turismo straniero.

 

 

Bologna vince grazie al wi-fi gratis in tutti i quartieri

Questo il titolo dell'articolo proposto da Repubblica.it (vai all'articolo), in cui Matteo Lepore, assessore all'Economia, al turismo e all'agenda digitale di Bologna afferma:

"Noi abbiamo la nostra interpretazione di città intelligente: un luogo che mette al centro le persone. Grazie alle tecnologie ascoltiamo i bisogni dei cittadini, siamo a una svolta epocale".

 

 

La Top Ten delle Smart City italiane

Città Smart: sono stati premiate le città che hanno sviluppato servizi innovativi e tecnologici, per esempio: banda larga, car sharing, organizzazione/gestione della rete cittadina, wifi, raccolta differenziata.

Guardando la classifica, si nota che il Rapporto ha incoronato tre capoluoghi dell'Emilia Romagna, al quarto posto c'è Mantova e al quinto Parma. Con meraviglia Roma e Firenze sono solo al nono e decimo posto, ci si aspetta di più da due città con forte presenza turistica. Oltre la top ten si trova Genova e nelle posizioni più basse si piazzano Pescara, Cosenza e Catanzaro. Ma non mancano punte di eccellenza in alcuni settori specifici: per esempio Pordenone supera l’80% di rifiuti raccolti e differenziati e la Puglia rappresenta la regione italiana con la maggiore produzione di energie rinnovabili.

La Top Ten:

1. Bologna
2. Milano
3. Torino
4. Mantova
5. Parma
6. Trento
7. Brescia
8. Reggio Emilia
9. Roma
10. Firenze

Fonti: WiredIlMessaggero - IlRestodelCarlino - VocidiCittà