1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Blog


Contenuto della pagina
 
 

"Iper, La grande i" introduce il codice GS1 DataBar


 

La catena di ipermercati Iper, La grande i, uno dei protagonisti nel panorama della Grande Distribuzione Organizzata italiana, ha deciso di passare dai codici EAN classici all’utilizzo dello standard GS1 DataBar® per la codifica dei prodotti a peso variabile confezionati nei punti vendita.

Questo cambiamento ha un duplice obiettivo: superare le criticità dovute all'EAN-13 e offrire un migliore servizio al consumatore finale.

 


 

La soluzione tradizionalmente diffusa si basa sul codice a barre EAN-13, che rappresenta: 

• un identificativo di prodotto, valido solo all’interno dei punti vendita, 

• il prezzo dell’unità di vendita, calcolato in seguito alla pesatura.

 
 

La capacità del codice EAN-13 è limitata: può contenere solo l’identificativo del prodotto ed è valido esclusivamente a livello nazionale, inoltre presenta alcune inefficienze per la gestione aziendale. Mentre grazie all'introduzione del GS1 Databar il numero di informazioni all'interno del codice aumenta sensibilmente, rendendo più semplice l'inserimento di dati differenziati e multipli.

 
 

Codifica interna in ciascun punto vendita e decodifica centrale

Ciascun negozio, infatti, adotta una sua codifica interna per i prodotti a peso variabile, per cui lo stesso prodotto venduto in più punti vendita viene identificato da tanti codici diversi quanti sono i punti vendita della catena. Per calcolare la quantità effettivamente venduta in tutta la catena per ciascun prodotto, diventa necessario operare a livello centrale una decodifica di ciascun codice. 

 

.

 
 

Impossibile sapere la quantità effettivamente venduta

Per riconoscere la quantità venduta, in termini di peso, per ciascun prodotto, è necessario intervenire con un ricalcolo rispetto ai prezzi di vendita (dato raccolto alle casse) in base al prezzo al chilo del prodotto, con le conseguenti imprecisioni dovute alle approssimazioni.

 
 

.

 
 
 

La soluzione si chiama GS1 DataBar

Il GS1 DataBar è invece un nuovo codice a barre capace di contenere più informazioni. È ideale per prodotti di dimensioni ridotte, per gli alimentari freschi a peso variabile, per gli articoli che richiedono la stampa di informazioni supplementari come la data di scadenza, il peso, il numero di lotto.

Con il passaggio dall’EAN-13 al GS1 DataBar le criticità descritte sopra sono risolte. La simbologia GS1 DataBar, infatti, prevede la possibilità di inserire nel medesimo simbolo molte informazioni e di catturarle in una sola lettura. Più precisamente le informazioni inserite da Iper nel simbolo GS1 DataBar, sono le seguenti:

1. GTIN-13, l’identificativo dell’unità di vendita, assegnato al prodotto in maniera centralizzata dall’area codifica di Iper, e non più per singolo punto vendita

2. la data di scadenza

3. il peso netto effettivo dell’unità di vendita

4. il prezzo di vendita del prodotto

5. il numero di lotto

 
 

Le sue caratteristiche permettono il superamento delle inefficienze prima elencate, abilitando:

• La codifica centralizzata e univoca Il GS1 DataBar contiene l’identificativo del prodotto (GTIN-13) che però è assegnato centralmente da Iper: ciascun punto vendita adotta la codifica univoca così definita. Iper può inoltre agilmente calcolare le statistiche di vendita dei prodotti, senza dover operare decodifiche intermedie. 

• Il rilevamento della quantità effettivamente venduta Il GS1 DataBar contiene il peso netto del prodotto: la cattura alle casse di questo dato permette ad Iper di aggregare facilmente i dati ed avere visione del venduto effettivo, anche in termini di peso, per ciascun prodotto.

 
 
 

I dati registrati sul sistema di elaborazione centrale garantiscono la rintracciabilità completa, ascendente e discendente, di processi e prodotti. A partire da un lotto è possibile risalire alle lavorazioni svolte, agli ambienti in cui è stato lavorato, ai tempi di permanenza in ogni ambiente. A partire da un codice tracciabilità apposto in fase di spedizione, si recupera la storia del prodotto nello stabilimento, le lavorazioni e gli ambienti attraversati, risalendo al lotto di appartenenza ed al suo percorso.

Vai al software SecureTrack >